domenica 28 dicembre 2014

Pignolata

La pignolata, o struffoli, è un dolce meridionale che in Calabria si consuma esclusivamente nel periodo natalizio.
Come per ogni ricetta tipica le varianti si sprecano, infatti è bene precisare che quella che andrò a pubblicare è quella che si fa a casa mia, senza alcuna pretesa di stabilire che sia la versione originale o la migliore. Di sicuro è semplice e veloce da fare, e fa subito festa.

Ingredienti:
  • 250g di farina
  • 1 uovo
  • limoncello
  • vino bianco
  • scorza di limone
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • olio per friggere
  • miele di arancio
  • codette colorate
  • mandorle


In una ciotola mescolare assieme l'uovo, la farina, lo zucchero, un po' di limoncello e un po' di vino per ricavare un impasto asciutto ma morbido. Se l'impasto è troppo duro si può aggiungere ancora vino o dell'acqua.
Tagliare dei pezzi di impasto e ottenere delle striscioline e poi tagliare dei piccoli pezzettini come la falangetta del mignolo, come se si stessero preparando gli gnocchi.
Scaldare in una padella l'olio di semi e friggere i tocchettini di impasto.
La cottura è rapidissima e tendono a bruciare velocemente, quindi controllate la frittura.
Scolate bene su carta assorbente e fate raffreddare.
Dopodiché in una padella sciogliere due o tre cucchiai di miele di arancio e versarvi all'interno la pignolata fritta, far insaporire bene e spegnere.
Velocemente porzionarli negli stampini monoporzione e decorarli con le codette.
Se si dovessero raffreddare per via del miele sarebbe difficile fare questa operazione, quindi ripassarli sul fuoco per far sciogliere nuovamente il miele e continuare.
Mangiarli freddi!


6 commenti:

  1. Una bomba di bontà :-) Ti auguro un fantastico 2015!!! :-) Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Cara, auguri di cuore in ritardo e grazie ^^

      Elimina
  2. Che meraviglia...buonissima!!! :)
    Tanti auguri di buon anno :)
    Ila

    RispondiElimina

Grazie per essere stato qua, mi farebbe molto piacere che tu lasciassi un segno del tuo passaggio, se ti va.